IL TERRORISMO SPIEGATO DAI TERZOMONDISTI

Anche stavolta, anche dopo la terribile strage di Bruxelles l’immancabile terzomondista specializzato in autoflagellazione non ha voluto far mancare il suo lamento. Di chi la colpa di quello che sta succedendo, della nascita dell’Isis, del terBRUXELLESrorismo islamista, degli attentati, delle migrazioni di massa, delle “primavere arabe degenerate in interminabili guerre civili o dittature? Nostra, naturalmente: del ricco Occidente capitalista, colonialista e magari anche razzista. Le cui vittime storiche, africani e asiatici ora ci stanno presentando il conto. Dunque: assolti gli stragisti, colpevoli e da punire gli occidentali. Continua a leggere

MELONI E SALVINI, ATTENTI A QUEI DUE

Alzi la mano chi pensa che Giorgia Meloni riuscirà a farsi eleggere sindaco di Roma: seconMELONI SALVINIdo me non lo pensa neppure lei e meno di tutti lo pensa quel Matteo Salvini che tanto ha fatto per convincerla  a candidarsi. Certamente, invece, questa bella pensata dei leader di Fratelli d’Italia e della Lega Nord riuscirà a creare dei problemi alla corsa verso il Campidoglio di Guido Bertolaso, il candidato “ufficiale” e inizialmente condiviso del centrodestra.  E poi, per un perverso effetto domino, anche a quella di Stefano Parisi vero Palazzo Marino.  Continua a leggere

Balzani arma totale di Pisapia

PISAPIA BALZANI

Da qualche tempo ogni mossa, ogni iniziativa di Francesca Balzani sembra avere, aldilà della dichiarazioni ufficiali, una sola motivazione reale e non esplicita: creare problemi alla candidatura di Giuseppe Sala a sindaco di Milano.

E il manovratore neppure tanto occulto di questa operazione altri non è che il sindaco uscente Giuliano Pisapia. Il quale prima ha creato le condizioni per spingere alle dimissioni il suo vice Ada Lucia De Cesaris, troppo spigolosa e indocile, mettendo quindi al suo posto la prediletta e fedelissima Balzani, per buttarla poi a sorpresa contro Sala nella mischia delle primarie – con l’entusiastico consenso, se non con il suggerimento dei salotti frequentati da Gad Lerner e Piero Bassetti. Continua a leggere