PIU’ TASSE, MENO ENTRATE: COME PREVISTO

E pensare che glielo avevamo detto e ripetuto: basta tasse! Basta soprattutto nell’interesse delle casse statali, perché è noto che oltre un certo limite la pressione fiscale ha un effetto controproducente e recessivo perché frena la crescita. E’ una vecchia e arcinota legge dell’economia classica, oltre che il buon senso, ad affermarlo. Ed è l’esperienza a dimostrarlo. Ed è, infine, quello che purtroppo sta accadendo alla finanza pubblica italiana, che da qualche mese vede diminuire sensibilmente le entrate fiscali. Come era prevedibile e previsto, probabilmente anche da quei geniacci che ci governano, che proprio stupidi non sono. Ma allora perché hanno insistito nello spremerci come limoni secchi? Giacché, com’è noto, sbagliare è umano ma perseverare nell’errore è diabolico. Mi viene in mente la spiegazione più imbarazzante, anzi umiliante per noi poveri cittadini italiani. Si sono comportati così perché: 1) non erano capaci e in grado di fare altro, come, ad esempio rilanciare la crescita e tagliare la spesa pubblica; 2) volevano obbedire il più ottusamente possibile alle disposizioni (vere o presunte) o quanto meno alle aspettative (vere o presunte) dei kapò europei, i quali da anni vanno predicando che tutto si risolve con una austerità feroce e tartassando quegli scialaquatori degli italiani.

E’ arrivato il momento – per la verità era arrivato già molto tempo fa – che il governo di Roma dica chiaro e tondo a Bruxelles ( e a Francoforte e a Berlino) che così non si può andare avanti, perché così non si esce dalla crisi ma vi si affonda fino a morirci. Che così non si fa il bene dell’Italia ma solo le fortune elettorali della signora Merkel che asseconda gli impulsi più egoistici del suo elettorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *