La più brutta campagna elettorale

Per prima cosa devo scusarmi con gli amici che generosamente seguono questo blog per la mia lunga assenza, dovuta ad un impegno molto stringente che in queste settimane non mi lascia tempo per altro. Tuttavia una questione non posso continuare a tralasciare, la constatazione, credo diffusa, che questa è forse la più brutta campagna elettorale delle storia della Repubblica.
Perché? Alcune cause sono evidenti: il forte deterioramento della politica e della credibilità dei partiti, il conseguente pessimo rapporto dei cittadini con le istituzioni e con la politica, la povertà, la genericità e la poca affidabilità delle troppe promesse elettorali, la sensazione che le vicende italiane dipendano più da fattori esterni (l’Europa, la crisi, la globalizzazione…) che dai risultati delle lezioni, il pochissimo se non addirittura nullo carisma dei leader, la fine di una chiara differenziazione ideologica…
Potrei continuare ma non voglio infierire. D’altra parte ho semplicemente elencato alcune delle ragioni che spingeranno la maggioranza degli elettori a non votare o a scegliere movimenti di protesta. Dopo ci faranno la predica per dirci che si tratta di scelte irresponsabili, qualunquiste, nichiliste, controproducenti e chi più ne ha più ne dice. Ma non è vero, non credete a queste fandonie. Anche il voto di pura protesta, compresa la semplice astensione è un voto politico, è un messaggio alla politica e ai partiti. Perciò, se volete, esprimete pure serenamente quel voto o quel non-voto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

14 risposte a “La più brutta campagna elettorale

  1. credo che l’analisi fatta è lo specchio della situazione che molti italiani stanno valutando e dico questo perchè parlando con tantissima gente che frequenta il mio negozio la stragande maggioranza dice di non voler votare. vorrei ricordare a questi signori che stanno facendo una campagna elettorale all’insegna delle promesse ma nessuno dice che devono prima di tutto dare una svolta a questa politica, come? tagliarsi lo stipendio eleminare i vitalizi rivedere le pensioni d’oro e aumentare il potere d’acquisto ecc ecc ecc .solo cosi potranno dare di nuovo credibilità a questa politica.VORREI CHE QUESTA GENTE DOVREBBE SAPERE CHE NOI ITALIANI NON ABBIAMO L’ANELLO AL NASO MA CI SIAMO UN PO SVEGLIATI

  2. Ne convengo con te, e aggiungerei che questa campagna vergognosa, scandalosa, sta dando a vedere non solo il peggio di se, ma addirittura questa è la campagna del più forte, di quello cha fa la voce più grossa, ogni uno di questi fantomatici Leader non fa altro che pensare di salvare la propria poltrona anzichè pensare ad un paese che sta andando sempre più nel baratro, sono scandalizzato nel sentire ogni volta uno che accusa l’altro, quando questo nostro paese avrebbe bisogno di vedere e sentire una unione politica per il bene di tutti.

  3. Per la cronaca:nessuna campagna elettorale è stata bella perchè come prima cosa vengono usati anzi vengono sperperati soldi nostri,poi da vent’anni a questa parte le facce son le stesse e pure le balle!.La cura per questo paese là sanno tutti ma credo che i nostri politici siano gli unici a non saperlo,infatti son loro il cancro dell’italia!!!!!!!!.Mi dispiace per la durezza ma visto che gli unici a non risentirne di questa crisi son loro e visto i loro stipendi non c’è da stupirsi.Un ultima cosa e poi chiudo:ai “nostri”politici chiedo una sola cosa semplice che è quella di mettersi a livello di noi poveri mortali che fatichiam a tirar fine mese ma non credo che lo faranno mai!!!!!!!!!.

  4. Come si fa a votare ancora i responsabili delle nefandezze che sono venute a galla (e che temo siano solo la punta dell’iceberg)? Tutti i giorni senti di persone che prendono stipendi e pensioni milionarie per non aver fatto… niente. Io, e come me milioni di italiani, che mi trovo sola con tre figlie disoccupate, che per una settimana al mese non so dove prendere i soldi per fare la spesa, che non mi posso permettere di andare nemmeno un giorno al mare malgrado lavori tutto il giorno, che vedo quanti soldi vengono trattenuti in busta paga ogni mese per ingrassare miglialia di parassiti… pensate veramente che possa votare qualcuno che sta lì a prenderci tutti in giro da anni? Ma questi signori un pò di pudore non ce l’hanno proprio?
    Vergognatevi

  5. Non riesco più ad ascoltare la politica in televisione,mi fa venire il vomito, ho detto vomito! non la noia. Dei pochi programmi che hanno promesso anche se qual’cosa daranno è certo e sicuro
    che li ripagheremo come averli presi dai veri usurai.Con tutto quello che hanno combinato negli
    anni trascorsi cosa speriamo che si cambi cosa? NON NE POSSIAMO PIU’!!! DICIAMO BASTA!!!
    Ora sono tutti i partiti o partitini contro Grillo. Si è vero Grillo è un comico, è trentanni che dice
    le stesse cose, ma il contenuto è serio, perchè è informatissimo, in tutti questi anni ha sempre
    attaccato tutti i marciumi di persone politiche di alto livello o di dirigenti potenti, facendo nomi e cognomi, ma dico io. Se tutto questo l’avrebbe detto un giusto onesto parlamentare l’avrebbero spedito non in carcere ma sulla luna, ma Grillo perchè nò! G

  6. …. che sia “una brutta campagna elettorale” è SICURO ! – Sul non voto “non concordo” – PERCHE’ non vengono annullate le elezioni – ma VINCERANNO i “soliti PAPPONI” (senza opposizione) – TAPPATI IL NASO e VOTA quello che “ritieni il meno peggio” !!!!!

  7. ma come si fa ad invitare al voto di protesta o peggio, a non votare…….
    così invece la situazione si aggiusta? Con un comico senza un programma costruttivo, pieno solo di parole che in questo momento sono più che scontate la situaizone migliora?
    L’Italia diventa più credibile con i black blok, i no-tav e i parassiti dei centri sociali al governo?
    O tenere le mani in taca senza assumersi alcuna responsabilità rende migliori gli italiani?
    Complimenti per l’articolo e per i Suoi pensieri…….

  8. ……… le frane possono essere imbrigliate, fermate , sanate. Le valanghe fanno solo disastri irrimediabili. In quanto a chi racconta fandonie, credo che lei non sia estraneo alla gara.

  9. sono in piena sintonia con te, la politica fatta negli ultimi tempi e i troppi scandali hanno fatto
    perdere fiducia nella politica e nei partiti soprrattutto quelli che hanno sostenuto il
    governo monti. il mio parere e’ quello di non andare a votare per dare un chiaro dissenso
    alle scelte fatte e per non parlare della corruzione ancora in atto. spero che la gente non
    ricada nelle solite promesse politiche mai realizzate. ciao

  10. I santoni della politica sono abituati a trattare il popolo come una specie di sudditi devoti e prostrati alle loro fantasie.Io sono 55 anni che vado a votare e fino ad oggi ho sempre assistito a ciarlatani che unica qualità era la faccia da culo che avevano ( senza mancare di rispetto per una parte anatomica del corpo umano di grande rilevanza).Ora cosa dovrei dire? Ho sempre lavorato e ho seguito quello che questi ciarlatani hanno deciso adesso mi ritrovo con una pensione ridicola e mi sento dire che simo in crisi e che bisogna fare sacrifici equesti parassiti vivono con 900000euri all’anno. Si riepiono la bocca con vocaboli che neanche loro sanno cosa vogliono dire ma tutto questo fa effetto.La loro fortuna è che il popolo italiano è un popolo di pecore che si accontenta della partita di calcio o di una stronzata detta in tv da quache comico da festival dell’unita.Mortadella ci a potato nell’euro e come giustificazione diceva che si poteva girare senza dover cambiare la moneta.Da una testa del genere cosa poteva scaturire un cambio euro Lira il peggiore di tutte le altre monete.Ora se la gente non và piu’ a votare è la cosa piu normale che ci possa essere.Io stesso non volevo andare a votare ma quando ho letto di uno stronzo di tedesco che diceva di non votare Berlusconi sono andato a votare e indovinate chi ho votato. SALUTI FILIPPO

  11. Saranno anche state brutte elezioni, tuttavia gli elettori si dovrebbero preoccupare dei programmi dei due partiti Base. Oppure ci vogliamo far governare da un gruppuscolo di “centri sociali ” o simillari che non sanno neanche da che parte si comincia; tranne il comico che per un suo interesse personale fa del populismo gratuito……e le pecore seguono.

  12. Il voto deve essere vissuto come obbligo morale ….dobbiamo forse ricordare nella storia quanto è costato guadagnar solo ?

  13. Non capisco il perche’ bersani non vuol fare un governo con berlusconi devono fare poche cose abbassare i previlegi hai politici comprese le pensioni d’oro e liquidazioni d’oro rifare la legge elettorale e ritornare al voto insieme non anno sostenuto il governo monti? troppo !!!!!!!!!ciao a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *